Home » Bacheca » Rassegne » PGT Grezzago bomba di cemento il WWF ricorre al TAR

PGT Grezzago bomba di cemento il WWF ricorre al TAR

PGT Grezzago bomba di cemento il WWF ricorre al TAR - Associazione WWF

"L'Associazione WWF Le Foppe ha deciso di fare ricorso contro la nuova pianificazione territoriale prevista dal Comune di Grezzago, la cui amministrazione - che su altri aspetti ha peraltro ascoltato l’associazione - ha però riconfermato la previsione di una vasta zona industriale nell'area prospiciente il nuovo casello dell'autostrada di Trezzo che comprometterebbe, se realizzata, un'area vincolata come terreno a fruizione agricola di valenza strategica sita nel Comune di Grezzago.


Quest'area fa parte della Rete Ecologica Regionale secondaria ed è quindi a tutti gli effetti parte di una infrastruttura riconosciuta ufficialmente, prioritaria e vitale per il mantenimento e la salvaguardia della biodiversità nel nostro territorio poichè connette tra loro terreni agricoli, parchi, Oasi e altre aree naturalistiche assicurando un adeguato interscambio di fauna e flora (flusso genico di individui).
 

 


Questa porzione di territorio è dunque un importante corridoio ecologico e questa sua funzione rischia fortemente di venir meno se venisse pienamente attuato il PGT grezzaghese. Ciò andrebbe a impattare non solo sul Comune di Grezzago ma anche, inevitabilmente, sui comuni limitrofi e sull'Oasi Le Foppe, presidio di biodiversità di pregio e fiore all'occhiello della nostra zona, aumentandone l'isolamento rispetto ad altre zone della Rete Ecologica.
 

 

 

Tante sono le incongruenze che chiedono una spiegazione in questa vicenda, a cominciare dalla promessa di ampliamento del Plis del Rio Vallone, promessa già più volte rinnovata e sbandierata dall'amministrazione, ma mai concretizzata. 

 

Ma soprattutto bisogna rilevare come il Comune non sembri aver adeguatamente considerato che per raggiungere tale nuova zona industriale, che attualmente non è nemmeno servita da strade, vi sono solo due possibilità:passando per il Comune di Trezzo (che non ha ancora dato, e non si sa se darà, il proprio consenso) oppure passare attraverso lo stesso territorio comunale, con un conseguente grave disagio e danno per tutta la popolazione. 

 

Continuare con questo progetto senza aver ancora ottenuto un accordo in tal senso con Trezzo, sembra, a nostro avviso, miope ostinazione e anche un voler forzare la mano all'amministrazione trezzese portando dei fatti compiuti. 

 

Priva di pregio è l'affermazione dell'amministrazione di Grezzago dell'imprescindibile necessità per il Comune di costruire delle nuove scuole cittadine, necessità che si potrebbe soddisfare solo con gli oneri di urbanizzazione derivanti dalla nuova area industriale quando, in passato, una volta ottenuti i fondi necessari (grazie ad un diverso intervento sul suolo cittadino) ha preferito rimandare la costruzione delle scuole, dando la priorità invece ad una diversa opera pubblica ritenuta più strategica.

 

Sono queste le principali ragioni che motivano l'Associazione WWF Le Foppe, a seguito di tavoli di discussione con il Comune di Grezzago, che non hanno però mai portato a ripensamenti sull'ubicazione dell'area, o quanto meno sul suo ridimensionamento, a impugnare davanti ai nostri tribunali la nuova pianificazione comunale, al fine di tutelare il valore e la bellezza del nostro patrimonio agricolo e naturalistico, a vantaggio di tutta la collettività. L’auspicio è che si possa giungere a veloci riassetti della pianificazione in senso più sostenibile.